Crispi, inaugurato nuovo monumento

RIBERA. Francesco Crispi torna a Ribera da grande statista. Con queste parole è stato inaugurato ieri mattina in piazza Giovanni XXIII il monumento al più importante personaggio politico della storia riberese. L’opera, due statue in bronzo raffiguranti Francesco Crispi e la moglie Rose Montmasson (nella foto), con i simboli della clessidra e della spada, poste su un basamento di travertino, è stata realizzata dallo scultore di Caltabellotta Salvatore Rizzuti. E’ stata scoperta dal drappo tricolore che l’avvolgeva dal sindaco, dall’autore, dal presidente della Provincia e dai 18 sindaci agrigentini che hanno partecipato alla manifestazione che si è svolta alla presenza di alcuni parlamentari, amministratori, forze dell’ordine (carabinieri, polizia, finanza, capitaneria di porto, corpo forestale), polizie municipali e associazioni varie di Ribera e dai paesi vicini. Una cerimonia significativa durante la quale sono state donate delle targhe allo scultore Rizzuti, all’ispettore dei Beni culturale Macaluso e all’on. Ruvolo, protagonisti dell’evento e della scultura costata 63 mila euro grazie ad un finanziamento del Consiglio dei Ministri per i 150 anni dell’Unità d’Italia. In mattinata, nella sala consiliare si è svolta una conferenza “Crispi, la Sicilia e l’Impresa dei Mille” alla quale hanno partecipato e relazionato Ignazio Parrino, Maurizio Crispi, Mimmo Macaluso e Raimondo Lentini.

Leggi l’articolo in .pdf

Condividi
Newsletter

Newsletter


Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni sull'attività di Salvatore Rizzuti