“TGR Sicilia”

Di un’interessante mostra alla Galleria “la Tavolozza” di Palermo ci parla in questa nota Aldo Scimè:

Se fosse nato al Nord, a Milano o in qualche altra città mitteleuropea, con molte probabilità parecchi saprebbero chi è Salvatore Rizzuti scultore. Invece dalla natìa Caltabellotta, Rizzuti si è trasferito alcuni anni addietro a Palermo, dove insegna all’Accademia di Belle Arti, e tranne una sua mostra a Roma, alla galleria Ca’ d’Oro, qui continua a vivere e ad operare in po’ appartato, nel suo bello studio aperto sulla campagna alla periferia di Palermo. Una campagna che in qualche modo gli ricorderà quella nativa, dove apprese o meglio coltivò l’innato gusto dei pastori di incidere il legno, di levigare o scolpire una pietra, e via via di estrarre dal marmo una figura, un’immagine.
A Palermo espone la sua ultima produzione: 22 opere in legno, in bronzo, in terracotta e in marmo continuano, anche se con qualche scarto, qualche incertezza, l’interessante itinerario di questo singolare talento di scultore “self-made man”, cioè di uomo fattosi da sé, senza scuola né maestri se non i classici del buon tempo antico. Uno scultore del quale ricordiamo anche una precedente mostra, tenuta qualche anno fa a Palermo, ancora più bella e più ricca, forse perché comprendente il meglio di tutta la sua opera. per intanto, per questo fine settimana, non ci rimane che consigliarvi di dare un’occhiata alla bella mostra di via Libertà, e a chi può un acquisto, che è quanto meno un investimento sicuro, di questi tempi, in cui, come si dice, i beni rifugio sono di moda.

Leggi l’articolo in .pdf

Condividi
Newsletter

Newsletter


Iscriviti alla newsletter per ricevere informazioni sull'attività di Salvatore Rizzuti